•  
ABOLITO IL CIELO - HEAVEN ABOLISHED
CURATED BY
Andrea Ruggieri and Francesco Pantaleone
DATE
opening 2nd April 2015 | 3rd April to 1st May 2015
PLACE
Milan
GALLERY
Bad New Business Gallery
PHOTO CREDITS
Adrianna Glaviano, Delfino Sisto Legnani, Ignazio Mortellaro
CURATED BY
Andrea Ruggieri and Francesco Pantaleone
DATE
opening 2nd April 2015 | 3rd April to 1st May 2015
PLACE
Milan
GALLERY
Bad New Business Gallery
PHOTO CREDITS
Adrianna Glaviano, Delfino Sisto Legnani, Ignazio Mortellaro

TEXT by Andrea Ruggieri

Keep your eye glued to the telescope, Sagredo. What you’re seeing is the fact that there is no difference between heaven and earth. Today is the 10th of January 1610. Today mankind can write in its diary: Heaven abolished!” (Bertolt Brecht, Life of Galileo)

Heaven abolished. A subversion of common sense, from the usual interpretation of nature that forces us to look with different eyes at the known world. Perhaps this is a necessary step in order to achieve awareness of one’s balance in the universe, made of opposing forces that arrange themselves to create the reality that we go through daily. If the sky is abolished, also the Ptolemaic school of thought is abolished, in order to demolish a consolidated and obsolete view of the universe. Man is thus subject to laws of ambiguous interpretations. He moves without being able to measure his steps and needs new reference systems that enable him to certify his role in an ongoing project. Ignazio Mortellaro (Palermo, 1978) borrows a verse from the Life of Galileo by Bertolt Brecht as the title to his new solo show, to introduce the visitor in a closed system of different elements, designed to provide empirical representation of forces in perpetual tension. Through drawings, sculptures, videos and installations that confront different and essential materials such as glass, marble, steel, lead, the artist thus proposes his own constellation in perpetual motion, the representation of infinite worlds that overlap. The exhibition is articulated between recent works and others made for the occasion, all aimed to create a geography of the mind, offspring of the scientific training of the artist from Palermo. Almost like a land surveyor, he aims to formalize an aesthetic solution that draws on the geography of an island, used as a primitive trace of a universal representation, derived from a territorial condition which imposes frequent contacts with a physical limit. From an island, the outlook is always turned to the sea, to the horizon line perceived as continuous and infinite, a stable and unchanging boundary, which prompts the search for a way to cross it, in order to turn it into an opportunity rather than a geographical impediment. A horizontal limit, therefore, where vertical limits overlap, in a system of several Cartesian coordinates that define a non-Euclidean space, but more complex, given by a juxtaposition of dimensional planes, from which the artist moves continuously sensing different spaces, first on an abstract and then on a physical level, attempting an increasing approximation. In this approximation he traces a failure that doesn’t deny the possibility of positioning oneself, building a relationship with objects. Rather, it is in this failure that Mortellaro finds his relationship with reality, a relationship that has, however, the limit of incommensurability. He moves, therefore, on opposing tensions. The vertical tension of Ascend and RCK, the hardness of pure marble and the fragile glass engraving, is balanced by the gaunt horizontal drive in Infinity of infinities and Okeanos, two steel surfaces on which fibrous or spherical elements create a measurable microcosm, a potential equilibrium, so as to allow the visitor to find his place within this space. RCK is a composition of five etchings on glass obtained by mapping the areas of no definition in the photographs of a basalt quarry. The more one sinks into the geographies of the unknown, the more the areas engraved become an archipelago, a constellation. The more one deepens the survey, the more are the areas to explore and the gaps to fill with knowledge. On the contrary, Ascend consists of fragments of marble slabs anchored to the ground by cabinet makers vices. The mobile material stands vertically on the horizontal plane of the floor. In mythology, Okeanos was the river that flowed around the known world, and marked its farthest reaches. In Mortellaro’s path, it becomes the boundary between the shadow and light, between the same material treated in a different way, overlooking the alchemic meaning, focusing rather first on the ethical characteristics, then the aesthetical, to render forms seemingly in perennial sophistication. All works stem from the need to create new reference systems, as a result of the initial upheaval of perspective on the universe, based on the real inability to measure an infinite dimension that Mortellaro resolves considering different infinities, with different speeds and densities, until he is able to imagine "infinite" infinities. But of these, the artist selects two: that of the plane, the prospective of the view, certainly that of the horizon; and that of the sphere, an area to be covered countless times, as if one observes a landscape always with different eyes, discovering each time different facets and perspectives. On this occasion, the use of video helps to visualize this attempt. Lead balls move on a vertical surface continuously changing balance, they attract and repel each other in the search for a configuration, which is always precarious and volatile. This is the representation of that closed system, limited to that environment in which any intrusion corresponds to a rearrangement of the parts. Introducing a new variable, the existing elements are arranged so as to reduce to zero the imbalance caused, attractive-repulsive forces are compensated and match to determine a new structure, lingering until the next occurrence. Each input perturbs the equilibrium that exists within the composition. Nature, landscape, forces, infinity are thus concepts with which one cannot avoid confronting when investigating the work of Ignazio Mortellaro. Although, that which needs explanation is the relationship these have with the individual, the human being who becomes unit of measurement of all this. Creating a work thus becomes reading nature, being fascinated by its intrinsic dynamics to then dismantle and decode them, to enter the flow of energy in order to dispel the consolidated interpretations. Heaven abolished.

TESTO di Andrea Ruggieri

Non staccare l’occhio dal telescopio, Sagredo. Quello che stai vedendo è che non esiste differenza tra il cielo e la terra. Oggi è il 10 gennaio 1610. L’umanità scrive nel suo diario: abolito il cielo! (Bertolt Brecht, Vita di Galileo)

Abolito il cielo. Un sovvertimento del senso comune, dell’usuale interpretazione della natura che costringe a guardare con occhi diversi il mondo conosciuto. È forse questo un passaggio necessario per giungere ad una consapevolezza del proprio equilibrio nell’universo, fatto di forze che si contrappongono e si dispongono a creare la realtà per come la attraversiamo nel quotidiano. Se è abolito il cielo, è abolito il pensiero tolemaico, per demolire una consolidata e obsoleta visione dell’universo. L’uomo è dunque soggetto a leggi di dubbia interpretazione, si muove senza ben poter misurare i propri passi e ha bisogno di nuovi sistemi di riferimento che gli consentano di attestare il proprio ruolo in un progetto in divenire. Ignazio Mortellaro (Palermo, 1978) mutua un verso da Vita di Galileo di Bertolt Brecht per dare il titolo alla sua nuova personale, per introdurre il visitatore in un sistema chiuso di elementi differenti che intendono fornire una rappresentazione empirica di forze in tensione perenne. Attraverso disegni, sculture, video e installazioni che mettono a confronto materiali diversi ed essenziali come vetro, marmo, acciaio, piombo, l’artista propone dunque una propria costellazione in perpetuo movimento, la rappresentazione di infiniti mondi che si sovrappongono. Il percorso espositivo si articola tra lavori recenti e altri realizzati per l’occasione, tutti tesi a creare una geografia della mente, figlia della formazione scientifica dell’artista palermitano che, quasi come un agrimensore, mira a formalizzare una soluzione estetica che trae spunto dalla geografia di un’isola, utilizzata come traccia primitiva di una rappresentazione universale, figlia di una condizione territoriale che impone sempre il contatto con un limite fisico. Da un’isola lo sguardo è sempre rivolto al mare, all’orizzonte percepito come linea continua e infinita, un confine stabile e immutabile, ma che suggerisce la ricerca di un modo per valicarlo, per farne un’opportunità anziché un impedimento geografico. Un limite orizzontale, dunque, cui si sovrappongono limiti verticali, in un sistema di più coordinate cartesiane che definiscono uno spazio non euclideo, ma più complesso, dato da una giustapposizione di piani dimensionali, dai quali l’artista si sposta continuamente intuendo spazi diversi, prima su un piano di astrazione poi su quello fisico, tentando un’approssimazione sempre maggiore. In quest’approssimazione rintraccia però un fallimento che non nega la possibilità di ambientarsi, costruire una relazione con gli oggetti, anzi è in questo fallimento che Mortellaro trova il suo rapporto con il reale, un rapporto che ha però il limite dell’incommensurabilità. Egli dunque si muove su tensioni contrapposte. La tensione verticale di Ascend e RCK, la pura durezza del marmo e la fragile incisione sul vetro, viene bilanciata dalla scarna pulsione orizzontale di Infinity of infinities e Okeanos due superfici di acciaio sulle quali elementi filiformi o sferici creano un microcosmo misurabile, un equilibrio potenziale, come a consentire al visitatore di individuare la propria collocazione all’interno di questo spazio. RCK è una composizione di cinque incisioni su vetro ottenute mappando le aree a definizione nulla delle fotografie di una cava di basalto. Più si sprofonda nelle geografie dello sconosciuto più le aree incise si fanno arcipelago, costellazione, più si va a fondo nell’indagine maggiori sono le aree da esplorare, le lacune da colmare nella conoscenza. Al contrario Ascend è costituito da frammenti di lastre di marmo ancorate a terra da morse da ebanista. Il materiale mobile si staglia verticale sul piano orizzontale del pavimento. Okeanos nella mitologia era il fiume che scorreva intorno al mondo conosciuto, delimitandone i confini più remoti. Nel percorso di Mortellaro diviene il limite tra l’ombra e la luce, tra uno stesso materiale trattato in modo differente, del quale tralascia il significato alchemico, soffermandosi piuttosto sulle caratteristiche prima etiche e poi estetiche per rendere forme apparentemente in perenne sofisticazione. Tutti i lavori nascono dall’esigenza di creare nuovi sistemi di riferimento, frutto del sovvertimento iniziale di prospettiva sull’universo, basato sulla reale impossibilità di misurare una dimensione infinita che Mortellaro risolve considerando infiniti diversi, con velocità e densità differenti, fino a riuscire ad immaginare “infiniti” infiniti. Ma di questi l’artista ne seleziona due, quello del piano, la prospettiva dello sguardo, dell’orizzonte appunto, e quello della sfera, una superficie da percorrere infinite volte, come se si osservasse un paesaggio con occhi sempre diversi, scoprendone ad ogni passaggio diverse sfaccettature e prospettive. L’uso del video in quest’occasione contribuisce a visualizzare questo tentativo. Sfere di piombo si muovono su una superficie verticale mutando continuamente l’equilibrio, si attraggono e si respingono alla ricerca di una composizione sempre precaria e mutevole. È questa la rappresentazione di quel sistema chiuso, di quell’ambiente circoscritto nel quale ogni intrusione corrisponde ad un riassestamento delle parti. Introducendo una nuova variabile gli elementi preesistenti si dispongono in modo da ridurre a zero il disequilibrio provocato, le forze attrattivo-repulsive si compensano e si uguagliano per determinare un assetto nuovo, persistente fino al successivo accadimento. Ogni ingresso perturba l’equilibrio che regna all’interno della composizione. Natura, paesaggio, forze, infinito sono dunque concetti con i quali non ci si può non confrontare indagando il lavoro di Ignazio Mortellaro, ma ciò su cui è necessario soffermarsi è il rapporto che essi hanno con l’individuo, l’essere umano che diventa unità di misura di tutto questo. Costruire un lavoro diviene quindi leggere la natura, farsi affascinare dalle sue dinamiche intrinseche per poi destrutturarle e decodificarle, inserirsi nel flusso energetico per sfatare le letture consolidate. Il cielo è abolito.